Google e i banner pubblicitari

Quante volte vi sarà capitato di utilizzare qualche app free piena di banner pubblicitari e cliccare involontariamente su uno di essi, e magari ritrovarsi con qualche abbonamento a pagamento attivo, e nella peggiori delle ipotesi con la sim bloccata per via dell’elevato debito. Per evitare di incorrere nuovamente in qualche costoso abbonamento, vi consigliamo di richiedere l’attivazione del barring sms (blocco delle decadi).

A seconda dell’operatore che possedete, potete:

  • Tim: visitare il sito, oppure chiamare il 119 e richiedere all’operatore di mettere il numero nella black list;
  • Vodafone: chiamare il 190 e chiedere all’operatore l’attivazione del barring sms;
  • Wind: contattare il 155 e richiedere il blocco dei servizi a sovrapprezzo (può essere totale, cioè chiamate a numerazione 899, 166 e sms, oppure soltanto il blocco parziale di uno dei due);
  • H3g (Tre): chiamare il 133 e richiedi l’attivazione del servizio barring sms oppure visitare la sezione dedicata del sito;
  • Postemobile: inviare il modulo che trovi sul sito via fax o via posta tradizionale, richiedendo il blocco dei servizi a sovrapprezzo.

Ma anche Google da qualche giorno ha annunciato che sta prendendo provvedimenti per evitare i click accidentali, con delle piccole modifiche ai banner pubblicitari, al fine di risolvere questo fastidioso problema. In pratica, verranno bloccati i bordi in modo tale che tutti i clic in prossimità degli stessi non reindirizzeranno alla pagina dell’inserzionista. Per quanto riguarda i banner pubblicitari presenti nelle applicazioni saranno bloccati e quindi potrete chiuderli attraverso la “x”, senza preoccuparvi di cliccarvi con precisione, perchè per essere reindirizzati sarà necessario premere sull’apposito pulsante, come può essere quello installa nel caso di un banner dedicato ad un’applicazione. Inoltre, saranno cliccabili solamente dopo un paio di secondi che saranno stati caricati. Secondo la casa di Mountain View, queste modifiche renderanno più piacevole la navigazione per gli utenti e aiuteranno gli inserzionisti a ricevere clic più spontanei. Voi cosa ne pensate?

Leggi anche Google vi suggerisce lo smartphone che fa per voi