Come liberare la memoria dello smartphone

Spesso, quando si prova a scaricare un’app dal Play Store, viene visualizzato un fastidiosissimo messaggio: “spazio di archiviazione disponibile insufficiente”, soprattutto se si possiede un dispositivo di fascia medio-bassa, o comunque con poca memoria interna a disposizione e privo del supporto di una microSD. A peggiorare la situazione, ci pensano anche le varie personalizzazioni del sistema che inseriscono i produttori di smartphone con le proprie app, che purtroppo non possono essere disinstallate senza avere i permessi di root (a tal proposito potete leggere come ottenere i permessi di root con Kingo ROOT), e nella maggior parte dei casi non vengono nemmeno utilizzate o si preferiscono altre soluzioni per svolgere le stesse operazioni. Altro fattore che influenza la gestione della memoria dello smartphone è la cache, cioè quella parte di memoria, dove le app memorizzano un insieme di dati che servono a sveltire il funzionamento e a richiamare determinate informazioni in maniera più rapida.


COME LIBERARE LA MEMORIA DELLO SMARTPHONE

Se siete in possesso dei permessi di root e non utilizzate le app installate sul vostro dispositivo dal produttore, il primo consiglio utile che vi posso dare è di eliminarle. A tal proposito potete scaricare dal Play Store “Root Unistaller”; attenzione però a ciò che cancellate, se non sapete quello che fate, limitatevi ad eliminare solo le varie app di personalizzazione.

Download Root Unistaller

Per ripulire la memoria cache, evitando di installare app apposite, i metodi a disposizione sono due: da recovery oppure da informazioni applicazione. Ogni dispositivo ha la sua combinazione di tasti per poter entrare in modalità recovery, non ve le posso elencare tutte altrimenti finirei domani mattina, ma basta fare una piccola ricerca su internet e il problema è risolto. Recovery Samsung Vi porto l’esempio dei Samsung: a telefono spento basta tener premuti contemporaneamente i tasti volume+, home e power finchè non comparirà il logo, e attendete il caricamento. Una volta entrati in recovery muovetevi sulle varie voci utilizzano i tasti del volume, e selezionate col tasto power la voce wipe cache partition; conclusa l’operazione riavviate il sistema. Se non riuscite ad avviare il vostro telefono nella modalità recovery, vi consiglio un app che pulisce in maniera semplice ed efficace il vostro dispositivo; vi sto parlando di Android Assistant, scaricabile dal Play Store a questo indirizzo. Vi ricordo che la pulitura della cache è una procedura che va effettuata non troppo spesso, altrimenti costringerete il sistema a ricreare gli stessi dati, perchè richiamati dalle app. Mi spiego meglio con un esempio: se usate l’app di Facebook, ogni volta che visualizzate i vari post, vengono scaricati dei dati nella memoria cache, in modo tale che quando riaprirete l’app, caricheranno più velocemente. Se svuotate la cache giornalmente, non appena andrete ad aprire l’applicazione di Facebook, quest’ultima dovrà riscaricare i dati relativi ai post del giorno precedente, o comunque delle ore prima. Quindi come potrete ben capire, si ha un maggior consumo di dati della connessione internet, uno spreco di energia in quanto l’app li deve riscaricare inutilmente e una perdita di fluidità nella visualizzazione dei post. Per questo vi consiglio di svuotarla magari con cadenza bisettimanale, dato che i dati più vecchi non vi serviranno più.

Se invece vi interessa pulire la memoria cache occupata da una specifica app, a seguito ad esempio diSvuota cache un malfunzionamento della stessa, recatevi nel menu impostazioni, “tappate” sulla voce app e fate degli swipe verso sinistra fino ad arrivare alla scheda “tutte”. A quel punto selezionate l’applicazione che vi interessa e pigiate su “cancella cache”. L’opzione cancella dati è un’operazione totalmente differente; premendo questo tasto, vengono eliminati definitivamente tutti i dati dell’applicazione, come il database o le impostazioni dell’account se è presente. Quando va utilizzata? Può essere una soluzione se l’applicazione si blocca improvvisamente, anche dopo aver svuotato la cache, o ad esempio se volete ricominciare un gioco da capo e volete cancellare i salvataggi.

Spostare le app nella memoria SD è un altro modo per liberare spazio nell’archivio interno. Riaprite il menu app (come scritto sopra) e selezionate l’applicazione che volete spostare cliccando “sposta su scheda SD”. Potrebbe capitare con alcune app, di trovare la suddetta voce in colore grigio e quindi non cliccabile. In questo caso ci viene in soccorso Link2SD (richiede i permessi di root); scaricatela e seguite le istruzioni a video, il metodo è quasi identico a quello “classico”. 

Download Link2SD

Prossimamente vi parlerò di come aumentare la capacità della memoria interna del vostro smartphone. Se l’articolo vi è stato utile condividete, condividete, condividete; non vi costa nulla è solo un click, che per noi vale tantissimo. 

Leggi anche Come aumentare la RAM Android disattivando alcuni processi Google Play Services